I neri sono da biasimare per il crimine in America?

Qualcosa non va, quando dobbiamo anche porre questa domanda. Tuttavia deve essere chiesto perché le persone non lo lasceranno andare.

Preferisco parlare di politiche e di come organizzare la società per il miglioramento di tutte le persone, piuttosto che dover discutere del colore della pelle delle persone che vivono all’interno di quella società.

Il problema è riemerso, come spesso accade, quando stavo seguendo una discussione sul sistema carcerario in Norvegia rispetto agli Stati Uniti. Ancora una volta un certo numero di persone ha respinto i risultati norvegesi, sostenendo di non avere nulla a che fare con le politiche e tutto a che fare con il “candore” della popolazione. L’atteggiamento è che un sistema carcerario umano vada tutto bene in un paese come la Norvegia con “bianchi civili”.

Discutere contro questo urlando “razzismo”, non funziona davvero.

Quindi qui userò le statistiche per cercare di contestare l’idea che l’alto tasso di criminalità e il tasso di detenzione negli Stati Uniti siano dovuti ai neri.

Da un’analisi molto superficiale potrebbe apparire così. Il tasso di omicidi americani misurato per l’intera popolazione è di 5,35 negli Stati Uniti. Il tasso di detenzione è di 655. Al contrario, il tasso di omicidi in Norvegia è 0,5, 10 volte inferiore a quello degli Stati Uniti. Il tasso di detenzione è 63. Circa dieci volte più piccolo.

Le persone che incolpano i neri, stanno essenzialmente suggerendo che c’è qualcosa di fondamentale nei neri come popolo che li rende più criminali e violenti. Ciò suggerisce che dovremmo vedere lo stesso comportamento tra qualsiasi popolazione nera. Dal momento che apparentemente secondo questa logica, la cultura, la tradizione, la storia e lo stato economico sociale non hanno praticamente nulla a che fare con questo risultato.

Diamo quindi un’occhiata alle statistiche sul crimine per diverse popolazioni di soli neri. Secondo il CDC il tasso di omicidi per i neri in America (2015) era di 20,9. Il tasso di detenzione per i neri è di 2300. Sono numeri scioccanti.

Vediamo questi numeri per vari paesi africani sub-sharan. A partire dal tasso di detenzione, il peggio che possiamo trovare in Africa è il Ruanda. Incarcera 464 persone su 100000. Questo è tuttavia quasi cinque volte inferiore al tasso americano per i neri. È persino inferiore al tasso di detenzione per tutte le persone negli Stati Uniti. Ricorda che questo è il peggio che tutta l’Africa ha da offrire. Possiamo facilmente trovare paesi africani con un tasso di detenzione più basso. La Repubblica Centrafricana ha un tasso di 16. Tuttavia, questo potrebbe anche essere un motivo per cui hanno il più alto tasso di omicidi in Africa, a 19. Tuttavia, questo è ancora inferiore all’America nera.

Altri paesi cattivi sono il Congo con tassi di omicidi di 13,55. Tuttavia, incarcera solo 29 persone su 100000.

Eppure non sarebbe giusto confrontare uno dei paesi più prosperi del mondo, come gli Stati Uniti, con un caso di basket in Africa come il Congo, che ha una storia eccezionalmente terribile. Leggi come il re belga Leopoldo gestiva il Congo. Personalmente non avevo lo stomaco per continuare a leggere molto a riguardo.

Che ne dici di paesi meglio sviluppati in Africa? Il Ghana ha un tasso di detenzione di 51, che è inferiore alla Norvegia. Il tasso di omicidi è 1,68, che è drammaticamente inferiore al tasso del 20,9 tra i neri in America. Questo è notevolmente inferiore rispetto agli Stati Uniti in totale, e anche a tutti i paesi bianchi come l’Ungheria, che ha un tasso di omicidi di 2,02. La piccola Estonia ha tassi ancora più elevati a 3,19.

L’America deve riconoscere che i suoi problemi di criminalità non sono semplicemente una questione di colore della pelle. C’è qualcosa di gravemente sbagliato nel modo in cui è gestita la società americana. In particolare c’è qualcosa che non va nel modo in cui le persone di colore vengono trattate. Possiamo vedere altri numeri per confermarlo. Il tasso di mortalità infantile per i neri negli Stati Uniti è sbalorditivo 14. Ciò è notevolmente peggiore rispetto ai paesi poveri come lo Sri Lanka con 8,23. Cuba, povera e socialista, è addirittura inferiore a 5,5.

La vera causa del crimine

Se guardi davvero ai paesi più colpiti dal crimine nel mondo, c’è una storia diversa che inizia a emergere. Quasi tutti i paesi con alti tassi di omicidi sono paesi con storie problematiche di schiavitù e razzismo. L’elenco dei peggiori paesi è dominato dai paesi caraibici e sudamericani con storie di razzismo, schiavitù e repressione bianca degli indigeni o degli schiavi importati, come El Salvador e la Giamaica.

Questo modello si replica in tutto il mondo. Qual è il peggior paese per quanto riguarda il crimine in Africa? Sorpresa, sorpresa, è il Sudafrica con un tasso di omicidi di 34. Dovremmo essere sorpresi che capita anche che sia il paese africano famoso per la sua politica di apartheid?

La disuguaglianza è un importante fattore di criminalità. Guarda questo articolo economista che mostra la correlazione tra criminalità e disuguaglianza. Nei paesi con una storia razzista la disuguaglianza sarà spesso rafforzata da un gruppo che mantiene il potere a spese di un altro e mantiene la sua presa sul potere e sui privilegi attraverso politiche razziste.

Invertire queste politiche dopo molti anni spesso non aiuta. Guarda il Sudafrica, dove le cose in molti modi sono semplicemente peggiorate.

L’accumulazione del capitale umano rispetto alle generazioni

Per capire il perché, penso che si debba guardare al concetto di capitale umano. Il capitale è l’accumulo di cose che migliora la tua capacità di creare valore economico. Potrebbe essere macchine, case di usura, semi per piantare colture, terreni agricoli ecc. Il capitale umano è simile. Man mano che investi nello sviluppo degli esseri umani, acquisiscono più abilità che consentono loro di essere più produttivi.

Il capitale può essere tramandato di generazione in generazione. Una famiglia di agricoltori può trasmettere una fattoria ben sviluppata ai propri figli, dando loro il capitale iniziale per aumentare la loro produzione economica. Allo stesso modo i genitori ben istruiti possono trasmettere le loro capacità e conoscenze ai loro figli, migliorando il loro capitale umano. Quindi il capitale umano può tramandare generazioni proprio come il capitale sotto forma di oggetti fisici.

Gli americani bianchi si sono accumulati e hanno distribuito enormi quantità di capitale umano nel corso di centinaia di anni. Al contrario, i neri come gruppo in America sono stati solo in grado di tramandare minuscole quantità di capitale umano. Per molto tempo, ai neri non è stato permesso di imparare a leggere e scrivere.

La gente pensa che la fine della schiavitù nel 1865 sia stata e la fine di questo. Il sistema di leasing forzato che è subentrato dopo la schiavitù crea un sistema ancora più brutale della schiavitù per i neri. Questo sistema fondamentalmente significa criminalizzare l’essere neri, così i neri potrebbero essere ridotti in schiavitù con la scusa che erano criminali. Questa non era una cosa marginale. Già nel 1898, il 73% delle entrate statali annuali dell’Alabama proveniva dal leasing forzato.

In termini di sviluppo del capitale umano era peggio. Quando i contadini bianchi possedevano schiavi neri, avevano qualche incentivo a mantenerli in salute e in salute. Quindi il cibo non era tanto male. Tuttavia, quando i neri divennero schiavi presi in affitto dalle prigioni, la logica cambiò. La loro non fu una penalità economica per aver maltrattato i prigionieri fino alla loro morte. Avresti semplicemente ricevuto nuovi prigionieri gratuitamente. Pertanto, le condizioni per i neri sono peggiorate.

Questo sistema esisteva in qualche modo fino agli anni ’50. Poi abbiamo avuto leggi Jim Crowe, KKK, ecc. L’America nera ha quindi avuto solo circa 50 anni per iniziare a costruire del capitale umano.

Politiche Non colore della pelle

La mia motivazione per scrivere questo, è di convincere le persone che leggono della mia parte del mondo, come i paesi nordici, che tendono ai migliori indici di sviluppo umano delle Nazioni Unite, a concentrarsi sulle politiche che adottiamo piuttosto che sul colore della nostra pelle.

Svezia e Norvegia non sono prosperi a causa degli occhi azzurri e dei capelli biondi. È a causa delle politiche sensibili attuate nel corso di molti decenni, combinate con una storia e una geografia favorevoli.